Abuelas e la genetica

Tutte le persone nascono con un patrimonio biologico culturale e sociale trasmesso attraverso le generazioni precedenti, che configurano le loro carattersitiche essenziali come persona.

Questo fa sì che un essere umano sia diverso da un altro, che abbia radici che lo legano al suo gruppo sociale di origine e presenti peculiarità determinate che, unite a ciò che acquisito successivamente con la maturità lo rendano un essere completo tendente all'equilibrio.

Tutto ciò che è stato menzionato precedentememente configura l'identità, che permette avere un riferimento come essere pieno nei confronti degli altri individui che costituiscono la società. Non esiste nessuna possibilità di cambiare, sradicare o sopprimere l'identità senza provocare danni gravissimi nell'individuo, turbamenti propri di chi, nel non avere radici, storia familiare o sociale, né nome che lo identifica cessa di essere chi è senza potersi trasformare in un altro.

Nel costante pellegrinaggio delle nonne per tutto il mondo, abbiamo cercato di sapere se esisteva qualche metodo specifico per determinare la filiazione di un bambino in assenza dei genitori.

Abbiamo consultato molti centri scientifici, fino a che alla fine negli Stati Uniti il Dr. Fred Allen del Blood Center di New York e l'Associazione Americana per il Progresso della Scienza di Washington, ci ha permesso di realizzare questi studi. Grazie a loro si trovò un metodo che permette arrivare ad una percentuale del 99.9% di certezza attraverso analisi specifiche del sangue. Hanno dato un grande contributo la Dr.ssa Mary Claire King e il Dr. Cristian Orrego dell'Universita' di Berkeley negli Stati Uniti. Il risultato di questo studio si chiama "Indice di Abuelidad" (Abuela vuole dire nonna, quindi di nonnità) con riferimento alla nostra richiesta

Breve spiegazione di come si ottenuto " l'indice di Abuelidad"

Durante gli anni'80 si studiavano:

  • Gruppo sanguigno e RH

  • Istocompatibilità (HLA, A, B, C, DR)

  • Analisi degli enzimi eritrociti

  • Analisi delle proteine plasmatiche

Nel corso degli anni '90 si svilupparono metodologie tendenti a studiare direttamente il materiale genetico delle persone che partecipano di questi studi di identità. Questo e´il DNA presente nelle 23 coppie dei cromosomi delle cellule. Queste nuove metodologie permettono di arrivare probabilità di vincoli biologici molto maggiori che con gli studi sopra menzionati, anche se nelle situazioni in cui ci si trova si può contare solo su pochi parenti lontani della persona la cui filiazione si mette in discussione.

Che tipo di marcatori si studiano nel DNA delle persone?

Oggigiorno, i marcatori polimorfici più studiati e accordati tra i distinti laboratori nel mondo sono i marcatori microsatelli o STR. Questi marcatori si trovano presenti in tutti i cromosomi di una persona, compreso nei cromosomi sessuali X e Y.

Questi marcatori presentano una enorme variabilità tra le persone. Per ognuno di questi marcatori STR (escluso per quelli dei cromosomi sessuali) una persona eredita due alleli o caratteristiche, uno di questi alleli proviene da suo padre biologico e l'altro da sua madre biologica. Questi padri a loro volta hanno ereditato dai loro genitori (o nonni biologici) della persona che cerca la sua identità.

Per quei casi nei quali i genitori sono assenti e solo esistono familiari più lontani (caso nonni paterni e/o materni, fratelli, mezzi fratelli, cugini, zii), è possibile analizzare oltre agli STR nei cromosomi non sessuali, gli STR presenti nel cromosoma Y. Questi STR definiscono la linea paterna. Cioè, il cromosoma Y lo trasmette ad un uomo con la discendenza. Quindi, se abbiamo solo un nonno paterno ed un possibile nipote maschio, questi condivideranno gli stessi alleli per il cromosoma Y. Lo stesso si può fare con un figlio maschio del padre assente, con un fratello maschio del padre o con figli di questo fratello maschio (possibili cugini).

Nei casi in cui siano presenti sorelle femmine della madre assente, o una possibile nonna materna, è possibile studiare la linea materna attraverso lo studio della sequenza del DNA mitocondriale. Questo DNA mitocondriale si trasmette da donna a figli tanto maschi come femmine. Quindi, sia la nonna materna o qualsiasi figlio di questa, avranno lo stesso DNA mitocondriale, il quale verràcomparato con il DNA della persona che sta cercando la sua identità.

Studiando un gran numero di STR siano di cromosomi non sessuali e di cromosomi sessuali ed il DNA mitocondriale, si possono ottenere probabilità di paternità, fraternità, nonnità, etc., etc., sufficinetemente alte per confermare praticamente un vincolo biologico.

Nell'Ospedale Durand di Buenos Aires, nella Repubblica Argentina, esiste un laboratorio che da tempo realizza le analisi emogenetiche per l'Istituzione. Forma parte del servizio Immunologia equipaggiato materialmente e professionalmente per realizzare gli esami sopra menzionati.

Negli ultimi anni sono molti i laboratori in Argentina che lavorano su studi di identità, con la partecipazione di società nazionali ed internazionali, tanto per controllare la qualità del lavoro quanto per creare uno standard dei sistemi che mondialmente si utilizzano per studi di identità e genetica forense.

L'aiuto della Comunità Scientifica Internazionale è fondamentale per arrivare ad offrire questi studi.

È compito delle Nonne di Piazza di Maggio collaborare nell'equipaggiamento di detto servizio di Immunologia atteaverso donazioni apportando allo stesso tempo i reagenti necessari per ogni studio.

Banca Nazionale Di Dati Genetici

Abbiamo elaborato insieme a vari organismi governativi, al fine di garantire la possibilitàai bambini sequestrati dalla dittatura militare di recuperare la propria identità, un Progetto di Legge riferito ad una Banca Nazionale di Dati Genetici di familiari di bambini scomparsi. Questo progetto è stato presentato con carattere prioritario di fronte al Parlamento dal Presidente della Nazione. La nostra Istiuzione ha dato attivamente impulso a questo progetto e convertito alla fine nella Legge Nazionale N. 23.511 nel maggio del 1987. Il suo regolamento è stato sancito nel 1989.

Questa Legge ci permette di avere condizioni pratiche stabilite che rendano possibile l'identificazione dei nostri nipoti, anche se non ci saremo più, visto che è impossibile sapere quando saranno localizzati; in alcuni casi saranno i bambini, già adulti, coloro i quali troveranno la vera storia circa le loro origini.

Questa Banca avrà come funzione quella di immagazzinare e conservare i campioni di sangue di ognuno dei membri dei gruppi familiari al fine di rendere possibili gli studi che verranno a svilupparsi nel futuro. Tenendo in considerazione l'aspettativa di vita attuale in Argentina, questa Banca Nazionale di Dati Genetici dovrà funzionare per lo meno fino all'anno 2050.



  • Traduttore: Miguel Santucho